Un ricordo stimolato da Celentano: Caro Diario (io mi sento così)

Caro Diario di Nanni Moretti:

– Sa cosa stavo pensando? Io stavo pensando una cosa molto triste, cioé che io, anche in una società più decente di questa, mi troverò sempre con una minoranza di persone. Ma non nel senso di quei film dove c'è un uomo e una donna che si odiano, si sbranano su un'isola deserta perché il regista non crede nelle persone. Io credo nelle persone, però non credo nella maggioranza delle persone. Mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza…e quindi
 
Mi o ci chiediamo è veramente utile questo sputtanamento ridarolo o è meglio (io preferisco) una trasmissione che lo sputtanerebbe senza risate parlando dei fatti coi numeri di fianco ? Report ? Io mi sentirei già convinto che Berlusconi è 'degno di biasimo' , mafioso e per quello vedo Report e vedevo Santoro e non mi impressionavo se era fazioso e Biagi lo trovavo vecchio, democristiano e barboso, 20 anni fa . Mi stupisce anzi trovarmi certa gente dalla mia parte (come quel fascista di Montanelli), temo però che sia l'unico sistema per scuotere, un poco, il torpore di qualche minima percentuale della massa. Ma noi non facciamo numero, leggiamo il giornale, dei libri (dei libri) , consultiamo siti di controinformazione, comperiamo periodici tipo Diario della Settimana.
Forse per le masse aveva ragione Pol Pot (horribile dictu) o perlomeno Stalin….il che è agghiacciante come dichiarazione da parte di uno che ama l'umanità. Si possono davvero educare ? Gradite risposte e proposte.